LAZIO: Dove possono alloggiare per la quarantena le badante che rientrano dalla Romania e Moldavia

Provedete di chiamare prima le rispettive strutture e assicurarsi che vi ricevano e a quali condizioni

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

L’obbligo di autodichiarazione sul rientro e l’esecuzione di due tamponi, verifica dell’idoneità alloggiativa per lo svolgimento della quarantena, al rispetto di tutta una serie di regole.

Vista l’attuale situazione epidemiologica, per le assistenti famigliari che rientrano al lavoro e che provengono da Romania, Bulgaria o altri Stati extra Ue o extra Shengen, c’è l’obbligo di autodichiararsi – ai fini dell’autoisolamento di 14 giorni – al Dipartimento di Sanità Pubblica competente per territorio.

Una volta ricevuta la comunicazione dall’assistente familiare, personale del Dipartimento contatterà la persona interessata e pianificherà l’esecuzione del 1° tampone all’arrivo e del 2° tampone al 7°-10° giorno o, comunque, entro la fine del periodo di isolamento.

Il Dipartimento verificherà, inoltre, le modalità di ingresso in Italia (trasporto aereo, ferroviario, marittimo, stradale) e l’idoneità dell’alloggio dell’assistente familiare, per consentire un adeguato isolamento.

Se queste condizioni non ci sono, il Dipartimento provvederà ad alloggiare l’assistente familiare nelle strutture alberghiere convenzionate, con costi a carico delle istituzioni.

Ecco dove si può alloggiare per la quarantenna.

Provedete di chiamare prima le rispettive strutture e assicurarsi che vi ricevano e a quali condizioni – chiedete anche al medico di famiglia.

Le strutture convenzionate

Affittacamere Scopri le strutture

Agriturismi Scopri le strutture


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here