Stai discriminando gli zingari? – sei soggetto a reclusione

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

Un disegno di legge in Romania che definisce il termine “anti-zingaro” come “la percezione contro i rom espressa come odio nei loro confronti” è stato approvato dal Senato lunedì, rispettando la scadenza per il dibattito e l’adozione. Il progetto definisce “manifestazioni e pratiche discriminatorie” e regola le sanzioni per l’atteggiamento anti-rom, che può arrivare fino a 10 anni di carcere.

Secondo il progetto, “anti-zingaro” significa sia la percezione dei rom espressa come odio contro di loro, sia le manifestazioni verbali o fisiche dell’odio contro i rom, dirette contro i rom o le loro proprietà, contro le istituzioni / ONG, i leader delle comunità rom, o nei loro luoghi di culto, tradizioni e lingue, scrive Agerpres.

Iniziato da parlamentari appartenenti a minoranze nazionali, PSD, UDMR, USR, ALDE, PMP, l’atto normativo prevede sanzioni da 3 a 10 anni di reclusione per coloro che promuovono, in pubblico, idee o dottrine anti-zingare, per la distribuzione o l’attuazione a disposizione del pubblico di materiali della stessa categoria o l’avvio o l’istituzione di un’organizzazione anti-zingara, l’adesione o il sostegno, in qualsiasi forma, a tale gruppo.

“Organizzazione anti-zingara” indica qualsiasi gruppo costituito da tre o più persone che svolgono la propria attività temporaneamente o permanentemente al fine di promuovere idee, concetti o dottrine anti-zingari.

I simboli anti-zingari sono: bandiere, emblemi, stemmi, uniformi, slogan, formule di saluto, così come qualsiasi altro segno simile che trasmetta idee, concetti o dottrine che promuovono l’anti-zingarismo.

I materiali anti-bullismo sono: immagini, messaggi di testo, contenuti audio-video, nonché qualsiasi altra rappresentazione simile, che trasmette idee, concetti o dottrine che promuovono l’anti-bullismo.

La promozione, in pubblico, in ogni caso, di idee, concezioni o dottrine anti-zingare è punita con la reclusione da 3 mesi a 3 anni e il divieto di alcuni diritti.

Inoltre, la distribuzione o la messa a disposizione del pubblico, con qualsiasi altro mezzo, notizie e informazioni, materiali anti-zingari costituisce un crimine ed è punita con la reclusione da un anno a 5 anni.

La pena detentiva da 3 mesi a 3 anni e il divieto di alcuni diritti si applicano anche in caso di fabbricazione, vendita, diffusione e detenzione al fine di diffondere simboli antisociali. La stessa punizione penalizza anche l’uso pubblico di simboli anti-bullismo. Se queste azioni sono commesse nell’interesse dell’arte o della scienza, della ricerca o dell’educazione o allo scopo di discutere questioni di interesse pubblico, non è un crimine.

Costituisce un crimine ed è punito con la reclusione da 3 a 10 anni e il divieto di alcuni diritti, l’avvio o l’istituzione di un’organizzazione anti-zingari, l’adesione o il sostegno, in qualsiasi forma, a tale gruppo. Se tali persone denunciano l’esistenza di organizzazioni alle autorità, prima che sia stata scoperta e sia iniziata la commissione di uno qualsiasi dei reati che rientrano nell’ambito di applicazione del gruppo, non ci saranno sanzioni.

Invece, il progetto prevede che se la persona che ha commesso uno degli atti aiuta, durante l’accusa penale, a scoprire la verità e a portare alla responsabilità penale uno o più membri di un gruppo criminale organizzato, i limiti speciali della pena vengono ridotti della metà.

Gli iniziatori della legge hanno invocato ragioni per una comprensione più precisa delle pratiche discriminatorie, perché al momento “l’anti-zingarismo è spesso usato in senso stretto per indicare l’atteggiamento anti-rom o per esprimere stereotipi negativi nella sfera pubblica o discorsi di odio”.

“Tuttavia, l’anti-zingarismo dà origine a uno spettro molto più ampio di espressioni e pratiche discriminatorie, comprese molte manifestazioni implicite o nascoste. L’anti-zingaro si riferisce non solo a ciò che viene detto, ma anche a ciò che viene fatto e ciò che non viene fatto. Per riconoscerne il pieno impatto, è fondamentale una comprensione più precisa “, affermano gli iniziatori del progetto.

La legge è organica e la Camera dei deputati è il decisore.


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

Valeriu Barbu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

I gatti di Cesare

Mer Dic 18 , 2019
Condividi    A Largo di Torre Argentina, a Roma, noto come il luogo in cui fu assassinato Giulio Cesare, che avvenne il 15 marzo 44 a.C., aspettavo l’autobus nella fermata verso Termini. In un momento, due uomini, italiani, uno insolitamente alto, intorno a quarantacinque anni e l’altro più vecchio e più basso, […]