Romania: Elezioni presidenziali – Guida agli elettori: chi ha il diritto di voto e dove si può votare

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

Elezioni presidenziali Guida degli elettori: chi ha il diritto di voto e dove si può votare

I cittadini romeni che hanno compiuto 18 anni fino al giorno delle elezioni, incluso, possono votare alle elezioni presidenziali di quest’anno, se non hanno restrizioni imposte dalla giustizia.

Quando si va al voto

Il 10 novembre, il voto in patria avrà luogo per le elezioni presidenziali, tra le 07:00 e le 21:00. Il secondo turno elettorale è previsto per il 24 novembre, sempre tra le 07:00 e le 21:00.

ATENZIONE ROMENI ALL’ESTERO: I cittadini romeni che si trovano all’estero il giorno delle elezioni possono votare alle elezioni presidenziali indipendentemente dal fatto che siano domiciliati, residenti o turisti nel rispettivo stato.

Le votazioni fuori paese si terranno venerdì 8/22 novembre, tra le 12-21, sabato 9/23 novembre, tra le 7.00 – 21.00 e domenica 10/24 novembre, tra le 7.00 e le 21.00 rispettivamente per il primo e il secondo tondo.

Dove votare

Gli elettori che non si trovano nella località e quelli che sono stati omessi dall’elenco permanente del seggio elettorale, possono recarsi in qualsiasi sezione del paese, la loro presenza alle urne viene registrata in un elenco aggiuntivo.

Inoltre, i cittadini rumeni dall’estero possono votare in un seggio elettorale diverso da quello in cui sono stati espressi.

Per gli elettori nel paese che non possono essere trasportati a causa di malattia o disabilità, il presidente del seggio elettorale può approvare, su richiesta presentata al più tardi alla data del voto, che una squadra composta da almeno due membri dell’ufficio elettorale dovrebbe muoversi con un urna speciale con il materiale di voto necessario.

Possono richiedere la speciale urna elettorale anche le persone che si trovano il giorno del voto nel paese e che a causa dell’attività specifica che svolgono non possono partecipare al seggio elettorale.

Coloro che vogliono scoprire in quale seggio elettorale possono votare, possono trovare la risposta chiamando il sito ufficiale del registro elettorale.

Preparativi per le elezioni presidenziali. STS ha distribuito 25.000 compresse nel paese e all’estero

Il registro elettorale è una banca dati in formato elettronico gestita dall’AEP, con tutti i cittadini rumeni, compresi quelli che risiedono all’estero, che hanno 18 anni e che hanno il diritto di voto.

Il registro comprende il nome e il cognome dell’elettore, la data di nascita, l’indirizzo di residenza e l’indirizzo di domicilio fisso, il codice numerico personale, la serie e il numero della carta d’identità.

Questo registro è costantemente aggiornato a livello dei municipi, essendo stati introdotti i cittadini che hanno compiuto 18 anni e anche tolti i defunti o che ha perso il diritto di voto.

Pertanto, al fine di trovare la risposta alla domanda “in quale sezione voto”, è necessario inserire il codice CNP e il nome della famiglia e un codice di verifica visualizzati sul sito e il portale visualizzerà immediatamente il numero e l’indirizzo del seggio elettorale in cui ci si trova.

Chi vota nella città di origine è obbligato ad andare al seggio elettorale, mentre chi vota in altre località può farlo in qualsiasi seggio elettorale. Lì saranno elencati negli elenchi supplementari.

Chi non può votare

La guida degli elettori in Romania o all’estero afferma che nelle elezioni presidenziali non hanno diritto di voto “i deboli o i malati di mente”, messi sotto proibizione, né le persone che hanno perso i loro diritti elettorali attraverso una decisione definitiva del tribunale.

Le persone detenute possono votare sulla base di un mandato di arresto preventivo e le persone che eseguono una pena privata della libertà, ma che non hanno perso i loro diritti elettorali. In questa situazione, la procedura per l’esercizio del diritto di voto è stabilita con decisione dell’Ufficio elettorale centrale.

Come possono votare i romeni all’estero

I cittadini romeni possono votare in una delle sezioni situate all’estero, siano essi residenti, domiciliati o turisti, secondo l’AEP.

Il voto può avvenire per corrispondenza o direttamente presso uno dei seggi elettorali, dove i rumeni possono votare se dispongono di una carta d’identità valida (bollettino, passaporto o carta di servizio militare).

La mappa di tutti i seggi elettorali all’estero può essere consultata qui.

Il programma dei seggi elettorali nell’esstero: I primi romeni a votare alle elezioni presidenziali del 2019 sono quelli della Nuova Zelanda, che venerdì 8 novembre, a partire dalle 12.00 ora locale, l’una, ora romena, potranno esprimere il loro voto. Secondo mae.ro, il programma dei seggi elettorali è il seguente: venerdì 8 novembre – tra l’ora locale 12.00 e l’ora locale 21.00 sabato 9 novembre – tra l’ora locale 7.00 e l’ora locale 21.00 domenica 10 novembre – tra l’ora locale 7.00 e l’ora locale 21.00.

Elenco dei candidati per le elezioni presidenziali del 2019:

Klaus Iohannis (con il supporto di PNL, Presidente in carica)
Viorica Dăncilă (PSD)
Mircea Diaconu (con il supporto di PRO Romania e ALDE)
Dan Barna (USR-PLUS Allianza)
Theodor Paleologu (PMP)
Kelemen Hunor (UDMR)
Ramona Ioana Bruynseelsii (Partito del potere umanista social-liberale)
Cătălin Ivan (Partito alternativo per la dignità nazionale)
Viorel Cataramă (Diritto liberale)
John-Ion Banu (Partito della nazione romena)
Sebastian-Constantin Popescu (Partito della Nuova Romania)
Ninel Peia (Partito della nazione romena)
Alexandru Cumpănașu (candidato indipendente) )
Bogdan Stanoevici (candidato indipendente)


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

Valeriu Barbu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Cenacolo romeno a Roma: dibattito sul futuro imminente della scrittura

Ven Nov 15 , 2019
Condividi    Un dibattito letterario molto serio ed appassionante è stato proposto dall’Associazione “Cenaclul de Roma” nella sua 57° edizione: il futuro immediato della scrittura, letteratura emergente, etica ed estetica, il ruolo educativo della letteratura, la scrittura come arte, il destino degli scrittori, degli critici letterari e, in particolare, degli lettori sopraffatti […]